PUSH

Crea la newsletter di Pasqua perfetta in 5 step

Tempo di lettura 8 min.

Che cosa accomuna blogger, E-commerce Manager e Marketer? Le campagne, una sfida ricorrente in occasione di eventi importanti, come la Pasqua: concept, sviluppo e invio di una o più newsletter sono una parte fondamentale per una comunicazione di successo. Ed è normalissimo che affiorino domande come: Che cosa fa il successo di una campagna di Pasqua? Come posso migliorare template piuttosto che contenuti? Qual è il miglior orario di invio? Meglio iniziarla prima di Pasqua o il giorno stesso?

Abbiamo la risposta a ogni tuo quesito.

Abbiamo raccolto un’insieme di idee, suggerimenti e consigli utili per rendere la prossima campagna pasquale più vivace ed efficace. Ma partiamo dall’inizio.

  1. Perché la Pasqua è l’occasione perfetta per inviare una newsletter?
  2. Che cosa devo fare prima di creare la mia newsletter di Pasqua?
  3. Qual è l’oggetto più adatto alla Pasqua e a che cosa bisogna fare attenzione?
  4. Come scrivere il testo perfetto per la newsletter di Pasqua?
  5. Come posso mettere in risalto la newsletter di Pasqua?


1. Perché la Pasqua è l’occasione perfetta per inviare una newsletter?

Molti collegano direttamente la Pasqua a uova e conigli di cioccolato, ma ci sono tantissimi prodotti che si possono promuovere in una campagna pasquale: cestini enogastronomici, cosmetici, fiori, viaggi, prodotti artigianali o decorazioni, per citarne solo alcuni. Per gli shop online la Pasqua è il periodo ideale per aumentare il fatturato anche con blog sul DIY, per esempio. L’arrivo della Primavera porta con sé un aumento del traffico e della revenue!
Prima di andare avanti però chiediti: Che cosa puoi offrire ai tuoi clienti? Quale potrebbe essere l’offerta più adatta al tuo shop e ai prodotti che proponi? Hai tutti gli strumenti necessari per sviluppare la tua idea di campagna?

Un brainstorming per E-commerce Manager e Blogger DIY

E-commerce Manager

Voglio offrire un codice sconto per Pasqua o promuovere determinati prodotti con una newsletter pasquale? O forse la Pasqua è il momento ideale per un gioco a premi e sorprendere i clienti? O ancora, posso inviare i miei auguri personali e rimanere nella mente dei miei clienti?

Blogger DIY

Voglio offrire uno sconto per il prossimo workshop o sorprendere con un DIY sostenibile (upcycling) per Pasqua? Ho gli strumenti necessari per raccontare delle ultime tendenze DIY in un video da inviare nel periodo pasquale tramite newsletter?

Sei tu a scegliere quale sarà il tema principale della tua prossima campagna pasquale.

2. Che cosa devo fare prima di creare la mia newsletter di Pasqua?

Fai sì che l’obiettivo della newsletter sia chiaro sin da subito e decidi quale gruppo target vuoi raggiungere con la promozione pasquale. Non sempre ha senso inviare la newsletter a tutti i tuoi contatti. Il prossimo passo quindi è decidere quale messaggio vuoi che arrivi ai tuoi iscritti – si devono iscrivere a un workshop DIY, riscattare un codice sconto? Se gli obiettivi della tua newsletter sono tanti può essere che il lettore decida di non fare nulla.
• Che cosa voglio ottenere con la mia promozione?
• A chi mi rivolgo con la mia newsletter?
• Qual è il messaggio della mia newsletter?
Una volta che questi punti sono chiari, pensare all’oggetto e al contenuto della newsletter diventa molto più semplice. Inizia definendo il template: scegline uno dedicato alla Pasqua, modificalo in modo creativo e riempilo con contenuti adatti all’occasione. Il tuo obiettivo ora è inserire contenuti che interessino e sorprendano i tuoi destinatari, portandoli all’azione. Abbiamo creato due nuovi template pasquali per la tua newsletter da utilizzare nella tua campagna: decidi tu se usare questi o quelli personali.

3. Qual è l’oggetto più adatto alla Pasqua e a che cosa bisogna fare attenzione?

Opta sempre per un giusto mix nello stile: breve e fresco, creativo e divertente. Nella scelta dell’oggetto puoi decidere se evocare un senso di curiosità o riportare in modo breve e conciso il contenuto della newsletter. Tutto sta nel dare la giusta importanza a quelli che sono gli highlight della newsletter. Ci sono diverse opinioni sulla lunghezza dell’oggetto: alcuni dicono che 30-40 caratteri siano l’ideale, mentre altri invece affermano che l’oggetto venga visualizzato interamente fino a 70 caratteri. La cosa migliore è rimanere fra i 50 e i 60 caratteri e, soprattutto, testare che cosa preferiscono i tuoi lettori. Se non sei sicuro, puoi sempre fare un A/B test dell’oggetto per capire meglio i loro gusti. Ottime per la Pasqua sono anche le icone da inserire nell’oggetto.


Esempi di oggetto per la tua newsletter pasquale

SHOP ONLINE

Prova con:

Scopri i nostri favolosi sconti di Pasqua. 3, 2, 1…via!

Vinci un uovo di Pasqua per addolcire le vacanze.

Esclusivo! 20% di sconto pre-pasquale fino a venerdì.

Hey, dai un’occhiata alle nostre specialità pasquali!

10% di sconto! Troverai i tuoi prodotti preferiti nell’uovo di Pasqua?

 

Lascia perdere invece:

Garantito! Da domani iniziano gli sconti di Pasqua!

(La parola “garantito” potrebbe essere un trigger per far finire la newsletter in SPAM, e quindi nel cestino. Inoltre non dà una sensazione positiva.)

Chi cerca trova tantissime offerte di Pasqua nel nostro sito.

(Il lettore ha la sensazione di dover cercare a lungo prima di trovare la giusta offerta. Inoltre l’oggetto è lungo e non dà alcuna sensazione.)

Nell’uovo di Pasqua troverai tanti besteller scontati del 10%.

(Qui viene dato al lettore lo stimolo ad aprire la newsletter soltanto alla fine dell’oggetto, rischiando che non veda la percentuale di sconto.)


BLOGGER DIY

Prova con:

10 trend DIY per abbellire la tua Pasqua.

Idee per un upcycling creativo per le tue decorazioni floreali!

Il tuo uovo di Pasqua, in 5 minuti.

Apri l’uovo di Pasqua e scopri ora la sorpresa!

Solo oggi! 15% di sconto sul corso di cucina pasquale!

 

Lascia perdere invece:

Clicca qui! Tantissimi consigli pasquali per blogger! Dal flaylay alla foto perfetta.

(Un oggetto che contiene troppe informazioni ed è troppo lungo.)

20% di sconto sul mio corso online “Decorazione floreale”.

(In questo oggetto non c’è un richiamo al tema Pasqua.)

Uova e tantissima cioccolata. Arriva la Pasqua!

(Un oggetto che dice pochissimo sul contenuto della newsletter.)


 4. Come scrivere il testo perfetto per la newsletter di Pasqua?

Molti credono che sia semplice e veloce scrivere un testo per la newsletter di Pasqua. Scrivere contenuti brevi e accattivanti è una sfida più grande di quanto si pensi. Prima di iniziare pensa quindi al cuore della tua newsletter: si tratta di una promozione sì, ma qual è il messaggio che vuoi trasmettere e che cosa deve fare il lettore una volta aperta? Deve iscriversi a un workshop o riscattare un codice sconto?

Abbiamo raccolto alcuni consigli utili per aiutarti a formulare la newsletter perfetta per Pasqua.

  1. Scrivi all’attivo per portare il lettore all’azione.
  2. Cerca di evitare frasi troppo lunghe. Preferisci invece frasi brevi e concise per facilitare il flusso di lettura.
  3. Formulazioni positive offrono al lettore una buona sensazione, facendogli sentire l’aria di Pasqua e facendogli venire voglia di fare acquisti.
  4. Non scrivere un testo troppo lungo: il lettore deve poter sapere in pochi secondi di che cosa si tratta e che cosa si deve aspettare dalla tua newsletter.
  5. A seconda del target modifica il wording (il tono di voce).
  6. Il tuo gruppo target è prevalentemente maschile o femminile, giovane o più maturo?

Piccola ma efficace: la CTA!

La Call-to-Action (CTA) spesso passa inosservata e in molte newsletter ha un ruolo secondario (seppure involontariamente). Dovrebbe però essere il contrario: la CTA deve essere ben visibile e inserita in un punto preciso della newsletter per invogliare gli interessati a cliccare sul pulsante.

Se farai attenzione a questi punti e inserirai la CTA al centro della tua newsletter ci sono grandi probabilità che la tua campagna avrà un successo maggiore.

1. Qualora volessi comunicare più di un tema, inserisci il pulsante di Call-to-Action direttamente sotto o vicino al testo corrispondente e non soltanto alla fine della newsletter.

2. Quando invece il tema è uno solo ha più senso inserire la CTA più in basso.

3. Rendi la CTA il più accattivante possibile – quindi non deve essere troppo piccola e possibilmente non deve essere verde.

4. Il testo nel pulsante deve invogliare all’azione ed essere breve. Il lettore deve poi sapere che cosa lo aspetta. “Ottieni ora lo sconto di Pasqua”, “Prenota ora il corso”, “Scopri i prodotti in sconto”, …

5. Assicurati che il link del pulsante CTA rimandi alla pagina corretta.

 

Qui di seguito trovi un bell’esempio di come applicare correttamente tutti i punti di cui abbiamo parlato: definizione della promozione, template, testo e CTA. 

 

(Fonte: Newsletter di Handmade Kultur / 2019)

 


5. Come posso mettere in risalto la newsletter di Pasqua?

La prima impressione è quella che conta, ed è chiaro a tutti. Questo vale anche per la newsletter di Pasqua e naturalmente anche per tutte le altre che andrai a creare. Che cos’è quindi che rende un design adeguato e professionale? Le agenzie di stock come Panther Media offrono una vasta selezione di temi idonei per diverse esigenze e, naturalmente, anche per la tua campagna pasquale. Di base non ha molto senso inserire troppe immagini nella newsletter; piuttosto opta per una struttura equilibrata fra immagini e testo, scegliendo anche la posizione migliore – questo è sufficiente per far sì che la newsletter abbia successo. Un mix di temi diversi con colori e font disparati non farà altro che creare confusione, portando il lettore a perdere interesse in quanto offri.

Consigli sul design della newsletter pasquale

– Anche se la Pasqua è un’occasione per utilizzare colori diversi, devi fare in modo che i colori e le immagini che scegli siano in linea con la tua Corporate Identity (CI) e con i prodotti che offri.

– I coniglietti e le uova di Pasqua sono temi molto carini ed evergreen. Perché però non scegliere piuttosto un’altra via? Rinuncia completamente a questi motivi e scegline altri meno colorati e kitch.

– Le agenzie di stock offrono tantissimi motivi a tema: prenditi un po’ di tempo per cercare l’immagine più in linea con la tua idea di Pasqua, evitando così di scegliere la prima immagine vista e optare invece per quella che maggiormente si adatta alla promozione e al messaggio che vuoi condividere.

– Ogni tanto vale la pena di scegliere diversi motivi e una serie di immagini da utilizzare anche sui social media – per questo può essere utile investire in un fotografo (magari che lo fa per hobby) con esperienza nell’ambito per chiedere un parere professionale nella presentazione professionale.

Per questa newsletter Ikea rinuncia ai motivi tipici della Pasqua e riduce i colori. Anche questa può essere la strategia vincente. 

(Quelle: Newsletter von Ikea /2019)


Qual è l’orario ideale per inviare la newsletter?

Dal concept, passando per oggetto, testo, CTA fino al design e alla ricerca di immagini abbiamo passato in rassegna i punti fondamentali nella creazione della newsletter pasquale. Si tratta quindi di fare brainstorming, pianificare e applicare – ciò che manca è l’orario di invio. Meglio inviarla un paio di settimane o un paio di giorni prima di Pasqua o addirittura il giorno stesso? Sei tu a decidere! Naturalmente pensa anche al tipo di promozione che fai e, se per esempio devi inviare dei prodotti, decidi se vuoi che arrivino in tempo per Pasqua o meno. Con CleverReach® puoi impostare con molto anticipo l’orario di invio della newsletter, godendoti così le vacanze in relax mentre la newsletter parte in automatico all’orario desiderato.


Conclusione:

Pasqua non è semplicemente coniglietti e uova di cioccolato: gli E-commerce Manager e i Blogger DIY registrano un traffico maggiore in quei giorni, insieme a un aumento del fatturato. Sfrutta l’occasione e crea già ora la tua campagna, prendendo tutto il tempo che ti serve per crearla. Lasciati ispirare dai nostri consigli e stai certo che la tua newsletter sarà un gran successo!


eleonora gravina

Eleonora si occupa di marketing e comunicazione per CleverReach® Italia.